OTTOBRE

1 - Buongiorno per tutto il giorno. Buon fine settimana e buon inizio del mese mariano. Grazie alla predicazione apostolica, la salvezza arriva dappertutto e satana è sconfitto. La gioia di Gesù e degli apostoli si giustifica così. Gioia ancora di Gesù perché il segreto del Regno è rivelato ai semplici e agli umili. Gli umili beati sono i discepoli che vedono direttamente Gesù e ascoltano la sua Parola, parola che trasforma e risana i cuori (cf. Lc 10,17-24). La Parola di Dio sostiene e accompagna il suo amico. Dopo la prova superata nella fedeltà, il Signore gli mostra di nuovo la sua potenza e la sua gloria e lo benedice.  Rifà la sua vita e ricostituisce i suoi beni. Anzi, multiplica la gioia. La felicità si verifica nelle cose e nei figli (Gb 42,1-3.5-6.12-16). L'uomo docile e fedele è sempre Benedetto. L'umiltà di Santa Teresa del bambino Gesù che ricordiamo oggi conquista. La sua piccola via dell'infanzia spirituale è un’autostrada che fa arrivare veloce in cielo.   Interceda per noi e per il mondo di oggi immerso nell'orgoglio.  Buona giornata.

2 - Buongiorno nel giorno del Signore. Il tema principale delle letture di oggi è la fede. "Il giusto vivrà per la sua fede (Ab 2,4). Ravviva il dono di Dio che è in te... custodisci il bene prezioso che ti è stato affidato (2Tm 1,6.14). Oggi è anche la festa degli Angeli Custodi. Con la loro guida e la loro protezione, camminiamo nella fede per poter giungere alla nostra patria in cielo. La parola di Dio nel Vangelo ci invita a seguire Gesù e a fargli una domanda importante, un regalo unico da chiedere: "Signore, accresci (aumenta) in noi la fede" (Lc 17,5a-6). Se abbiamo la fede, capiremo meglio che siamo niente davanti alla maestà divina e che quello che facciamo è solo un compimento della volontà di Dio, un  servizio da fare.  Buona domenica.

3 - Buongiorno e buon inizio settimana. Piacere a Cristo, è l'obiettivo di ogni pastore delle anime (San Paolo) e di ogni credente (cf. Gal 1,6-12). La domanda del dottore della legge del Vangelo, pur essendo una trappola a Gesù, è forse un voler piacere a Dio per avere in eredità la vita eterna. Bisogna osservare i comandamenti e metterli in pratica. Bisogna amare Dio e il prossimo, farsi carico dei suoi problemi, diventare per lui un buon samaritano che non guarda le origini, ma ha al cuore la persona umana. Il buon samaritano ha vissuto in pieno e meglio degli ebrei il Vangelo di Cristo. L'ultima espressione del brano è un impegno: "Va' e anche tu fa' lo stesso". (cf. Lc 10,25-37). Ti è chiesto solo di guardare attorno a te e di avere compassione. Non possiamo dire che non conosciamo quello che dobbiamo fare. Basta lasciarsi prendere dalla compassione e tutto cambia: la relazione, lo sguardo, il cuore, il programma, la vita... Il campo del mondo è vasto per fare il bene. Fasciate le ferite degli uomini. Sono tante...  Buon apostolato e radiosa giornata.

4 - Buongiorno. Oggi è la festa di San Francesco di Assisi, Patrono d'Italia. Visse, dopo la sua conversione dalla vita mondana, una vita coerente secondo il Vangelo di Cristo. Umiltà e povertà l'hanno caratterizzato. In questo, si è dimostrato discepolo di Cristo. Il cristiano è una creatura nuova. Non si vanta delle proprie virtù, ma della grazia ricevuta di partecipare alla passione di Cristo (Gal 6,14-18). Come fedele servo di Cristo, piccolo ed umile, il mistero della salvezza gli è rivelato. Riconosce Gesù come figlio di Dio e in Lui, il Padre (cf. Mt 11, 25-27). Se troviamo luce e forza in Gesù, il suo invito per il mondo odierno è allora attuale. "Venite a me voi che siete affaticati e oppressi e io vi ristorerò" (Mt 11,28). Possa la gente aprirsi alla novità del Vangelo e della vita cristiana per vivere veramente liberi. Buona e felice giornata.

5 - Buongiorno per tutto il giorno. Oggi siamo alla scuola del maestro di preghiera. Gesù prega personalmente e insegna a pregare. "Gesù si trovava in un luogo solitario a pregare" (Lc 9,18; cf LC 11,1). La preghiera trova la sua sorgente nel silenzio e nella pace interiore. "Insegnaci a pregare", dissero i discepoli a Gesù. La preghiera è importante. Rispondendo a loro, Gesù ci ricorda che pregare è entrare in relazione e in dialogo con Dio. Ci rivela il contenuto della buona preghiera: Padre nostro, sia santificato il tuo nome, venga il tuo regno, si compia il disegno di Dio. Continua a orientarci per chiedere a Dio il necessario: il pane quotidiano, il perdono dei peccati e la liberazione dal male (Lc 11,1-4). Il Vangelo è una liberazione da tutto quanto non sia essenziale alla grazia e alla carità (cf. Gal2,1-2.7-14). Chiediamo a Dio quello che conviene a Lui e a noi. Buona e felice giornata.

6 - Buongiorno. Un vero cristiano ha sempre dinanzi a lui la Croce; ha dunque davanti agli occhi e nel cuore Gesù Cristo crocifisso, unica sorgente di salvezza (Gal 3,1-5). Ieri abbiamo parlato dell'importanza della preghiera. Non basta pregare. Bisogna anche perseverare nella preghiera. Bisogna quindi pregare senza timore e con assoluto abbandono. È il senso della preghiera fiduciosa e perseverante. Nel brano evangelico di oggi, si parla anche di paternità di Dio. Dalla paternità di Dio deriva il tono di tutta la vita. Il padre celeste è l'unico che può dare cose stupende ed eccezionali nella vita, compreso lo Spirito Santo. Rendiamo grazie a Dio per tre verbi dinamici e complementari per la vita cristiana: chiedere per ottenere; cercare per trovare; bussare perché la porta sia aperta. La fede apre alla vera vita e al dono dello Spirito Santo (cf. Lc 11,5-13). Ci benedica Dio che ha suscitato in noi la fede. Non smettere mai di credere, di amare e di sperare.  Buona giornata.

7 - Buongiorno per tutto il giorno. Nel Vangelo odierno, Gesù è all'opera. In lui è presente il Regno di Dio. Scaccia i demoni con il potere che gli viene proprio da Dio (Lc 11,15-26). Ma bisogna essere vigili per non lasciare spazio a Satana che va in giro cercando chi divorare (cf. 1 Pi 5,8-9). Non si dà mai pace. Finché viviamo sulla terra, il rischio di cadere in tentazione c'è (cf. Lc 11,16-18.23). Ma giustificati dalla fede, siamo in pace con Dio. Siamo dell'atteggiamento di fiducia in Dio (cf. Gal 3,8). Per questo, lodiamo il Signore. Con Maria del Santo Rosario, camminiamo nella fede. Buona e serena giornata.

8 - Buongiorno e buon fine settimana. Il Vangelo odierno è tra i brani brevi proposti alla meditazione dei fedeli. Beati quelli che ascoltano la Parola di Dio, la osservano, la custodiscono e la vivono ogni giorno. Questi sono della parentela di Gesù (cf. Lc 11,27-28), della stirpe di Abramo (cf. Gal 3, 29). La vera beatitudine non è avere un legame fisico con Gesù, ma la fede in Lui, ascoltare la sua Parola e praticarla. I beati sono coloro che creano, tramite la fede, un vero e valido legame con Gesù e con quelli che credono e crederanno nel suo nome. Vale la pena di credere in Gesù.  Radiosa giornata.

9 - Buongiorno nel giorno del Signore. I temi di questa domenica sono due: la gratitudine-riconoscenza e la salvezza universale aperta anche agli stranieri. Dieci disperati, bisognosi, lebbrosi, rigettati dalla società sono ristabiliti nella loro dignità con una guarigione miracolosa. Uno solo manifesta la sua riconoscenza mentre gli altri sono come "distratti" o si considerano "meritevoli" del miracolo perché della stessa tribù di Gesù. L'ammonimento di Gesù oggi è per tutti noi: "non sono stati purificati dieci lebbrosi"? "Gli altri nove, dove sono"? Prendiamo coscienza dei benefici ricevuti da Dio e impariamo come lo straniero di Samaria ad essere riconoscenti e a rendere grazie.  Buona e santa domenica.

10 - Buongiorno e buon inizio settimana. Iniziamo bene questa settimana con una verità. Con la fede, diventiamo figli di Dio, e quindi liberi (cf. Gal 4,22-24. 26-27.31-5,1). La libertà stà nell'adesione a Cristo Salvatore. La salvezza è presente ai contemporanei di Gesù, ma non è stata riconosciuta da una generazione malvagia in cerca dei segni all'infuori del vero segno di Dio, la passione, morte e risurrezione di Gesù (cf. Lc 11,29-32). Apriamo gli occhi per vedere, la nostra mente per capire e il nostro cuore per riconoscere Gesù e seguirlo. Sarà la nostra vera liberazione che non evita la quotidianità e le cose ordinarie della vita, ma la penetra e la trasforma. Un’altra verità del brano è che i lontani riconoscono il Cristo e credono in Lui. In questo, la vicinanza fisica del vangelo non salva per se stessa (cf. Lc 11,31-32). Ci vuole sempre la fede.  Radiosa giornata.

11 - Buongiorno per tutto il giorno. Nel Vangelo odierno, Gesù ci invita ad evitare il farisaismo, l'ipocrisia, la pratica esteriore della legge. Spesso nella vita, ci preoccupiamo di curare la forma esteriore. Non è la forma esteriore che importa nell'agire. Importa di più l'intimo del cuore (Lc 11,37-41) che bisogna purificare e curare bene. I nostri gesti di amore e i nostri sguardi devono partire dal profondo del nostro cuore. Fare attenzione che il nostro cuore non sia un luogo-appuntamento di disordine, pieno di rapina e d'iniquità diventa un imperativo. Liberati in Cristo, liberiamo anche i nostri amici e vicini (cf. Gal 4,3-5,6). La nostra adesione a Cristo non è un semplice esercizio intellettuale, ma accoglienza e apertura mediante la fede. Nel giorno della memoria del Santo Papa Giovanni XXIII che, con l'inizio del Concilio Vaticano II, ha aperto alla chiesa un rinnovato impulso evangelizzatore, lodiamo Dio e cerchiamo leggendo i vari documenti del Concilio di curare il nostro essere e agire cristiano per una nuova vita in Cristo nella sua Chiesa. Buona giornata.

12 - Buongiorno. Con il battesimo, siamo diventati cristiani. Abbiamo ricevuto la grazia della cresima e quindi, lo spirito Santo che fà vivere e che dobbiamo attuare nella vita quotidiana. Il cristiano deve manifestare la sua presenza e i frutti della sua maturazione che sono l'amore, la gioia, la pace, la pazienza, la benevolenza, la bontà, la mitezza, la fedeltà e il dominio di sé (cf. Gal 5, 18. 22-23). Come L'uomo vecchio non si lascia guidare dallo Spirito Santo, così anche i farisei che Gesù rimprovera. Si lasciano andare occupandosi della purezza esteriore e lasciando da parte l'essenziale che Dio ispira: la giustizia e l'amore. Gesù continua a condannare il fariseismo che è pura ipocrisia. I farisei amano i primi posti e i saluti sulle piazze. Fanno portare i pesi pesanti agli altri (cf. Lc 11, 42-46). Hanno bisogno di una vera conversione come noi. Coraggio, buon cammino e felice giornata.

13 - Buongiorno per tutto il giorno. Gesù continua a condannare i farisei e a mettere il chiodo nel loro corpo accusandoli di essere ciechi, uccisori, di leggere male la Sacra Scrittura e di non accettare il messaggio dei profeti. In conclusione, sono cattivi e saranno resi responsabili del rifiuto e dell'eliminazione di Gesù Cristo. La loro cattiveria è andata fino a mettere una trappola a Gesù per trovarlo in fallo. Hanno portato e portano ancora una grande responsabilità della storia. Nell'inno di San Paolo agli Efesini, leggiamo il disegno di Dio di salvare e di liberare il mondo attraverso la passione, morte e risurrezione di Gesù Cristo (Ef. 1,1-10). Riconoscenti per questo, lodiamo Dio con il salmo 97: "cantate al Signore un canto nuovo" (sal 97), un sentimento di gratitudine. Sia lodato Gesù Cristo.  Buona giornata.

14 - Buongiorno. Siamo inseriti in un disegno di grazia. Nel vangelo di oggi, Gesù condanna davanti alla gente l'ipocrisia dei farisei, cioè la loro volontà di fare vedere che sono perfetti e non lo sono. Gesù parla anche del vangelo che dev'essere proclamato apertamente. L'annuncio porta a sopportare la persecuzione che infligge al corpo la sofferenza senza toccare l'anima. Inseriti in un destino di vita, Gesù Cristo ci indica chi temere. Non gli uomini, ma Dio fidandosi totalmente di Lui. Abbiamo un prezzo prezioso ai suoi occhi (Lc 12,1-7). In effetti, abbiamo ricevuto da Lui il sigillo dello Spirito Santo promesso come caparra della nostra eredità in attesa della redenzione completa (Ef. 1,13d-14). Benedetto sia Dio che ci ha benedetti con ogni benedizione spirituale nei cieli, in Cristo (Ef. 1,3). Buona giornata.

15 - Buongiorno e buon fine settimana. Testimoniare di Gesù Cristo, riconoscerlo davanti agli uomini è un'apertura alla via della salvezza offerta da Dio e nello stesso tempo fuggire al giudizio finale (cf. Lc 12,8-12). Solo chi è in Cristo, animato dallo Spirito di Dio, Spirito di sapienza, avendo gli occhi della fede illuminata, può penetrare nel mistero di Cristo, Signore dell'universo e capo della Chiesa (cf. Ef. 1,15-23). Può ammirare anche le meraviglie del Signore ed esclamare ad alta voce: "O Signore nostro Dio, quanto è grande il tuo nome su tutta la terra" (Sal. 8,2.10). Dacci, o Signore, la grazia di meravigliarci davanti alle opere delle tue mani. Buona e serena giornata.

16 - Buongiorno nel giorno del Signore. Nel vangelo odierno, abbiamo due personaggi posti uno di fronte all'altro: un giudice iniquo, senza legge e scrupoli, arrogante, e una povera vedova che rappresenta le categorie di persone indifese, persone precarie al livello istituzionale e sociale. Al livello giuridico, le istituzioni di Israele avevano il dovere di difendere i più deboli (l'orfano, la vedova e lo straniero). In questo brano, il centro del racconto è la preghiera necessaria e perseverante. Ci sono anche altre due dimensioni a parte la preghiera. È l'azione e la speranza. La vedova si muove ogni giorno. Va dal giudice, aspetta e spera. Se siamo fedeli e perseveriamo nell'azione, la domanda di Gesù diventa uno stimolo per noi per rispondere con un "Si". Il figlio dell'uomo, quando verrà, troverà la fede sulla terra (cf. Lc 18,1-8) in quanto bisogna rimanere saldi in quello che abbiamo imparato e di cui siamo convinti (cf. 2Tim 3,14-4,2), se perseveriamo nella preghiera e nell'azione che porta frutti. Buona e santa domenica. 

17 - Buongiorno e buon inizio settimana. Oggi, il Vangelo ci parla di una realtà che divide le persone e soprattutto i fratelli: l'eredità, la ricchezza. Spesso il ricco mette tutto il suo cuore in quello che possiede dimenticando che la ricchezza può finire oppure può sparire in un attimo. Il ricco dimentica addirittura che la ricchezza che vale è quella che si acquista e si accresce davanti a Dio (cf. Lc 12, 13-21). Tenetevi lontani dunque da ogni cupidigia (v. 15). E quindi, convertitevi. Questa conversione è permanente. Bisogna rinunciare a una condotta antica contrassegnata dal peccato e guidata dal demonio e quindi che porta alla morte. Bisogna vivere da risorti e proiettati nella gloria. È proprio la vita nuova alla quale siamo invitati ad aspirare (cf. Ef. 2, 1-10).  Buona e serena giornata.

18 - Buongiorno per tutto il giorno. Nella lettura continua, anno C, San Paolo fa notare alla comunità degli Efesini un passaggio importante da prendere in considerazione: una volta eravate esclusi dalla storia della salvezza; eravate stranieri all'alleanza; eravate anche privi di Cristo Gesù e della Legge. Ora invece siete inseriti in Cristo Gesù e formate una sola famiglia (cf. Ef. 2,12-22). I discepoli di Cristo, radunati in unità come in una famiglia sono inviati nel mondo per annunziare che il Regno di Dio è vicino. Questa è la bella notizia, la grande novità per il nostro mondo odierno. Gli apostoli evangelizzatori vanno in missione "arricchiti di povertà e della pace" che porta il Vangelo stesso ( cf. Lc 10,1-9). Operatori di pace, portiamo anche noi questa pace tanto ricercata, desiderata e attesa da tanti nel mondo. Diffondiamola nei cuori di quelli che aspirano alla grande liberazione. Tanti auguri a tutti quelli che portano il nome di Luca.  Felice giornata.

19 - Buongiorno. Quello riportato nel brano odierno di San Paolo apostolo agli Efesini è fondamentale per la vita e l'impegno di San Paolo. Per grazia, è diventato ministro del Vangelo, servo fedele del mistero di Cristo ed evangelizzatore delle genti chiamate a formare un unico corpo di Cristo che è la Chiesa (Ef 3,2-12). Il cristiano, membro di questa chiesa, deve vivere vigile e pronto in attesa dell'incontro definitivo con il Signore. Vivere fedeli e da saggi ci prepara meglio all'appuntamento desiderato per condividere il banchetto con il re dei re. Nel brano odierno dell'evangelista Luca, c'è un ammonimento per quelli che sono responsabili nella Chiesa. Non devono agire con arroganza e prepotenza, ma servire il Signore Gesù Cristo in attesa del suo ritorno (cf. Lc 12,39-44). Convertici Signore. Donaci la forza di vegliare come ci hai insegnato tu.  Buona giornata.

20 - Buongiorno per tutto il giorno. Nel Vangelo di questi giorni, Gesù ci invitava a pregare ed oggi ancora San Paolo prega per gli Efesini affinché siano rafforzati nell'uomo interiore e che Cristo riabiti nei loro cuori con la fede radicata nella carità (Ef. 3,14-21). Nel Vangelo odierno, Gesù rivela che, con la sua presenza e il suo messaggio rivoluzionario, è venuto a purificare le persone. È venuto anche a mostrare la separazione tra quelli che credono in Lui e quelli che hanno difficoltà ad accettare la novità del Vangelo (Lc 12, 49-53). Abbiamo la scelta di operare per vivere in pienezza o rovinarci per sempre. Facciamo la buona scelta. Buon proseguimento nel cammino di conversione.  Buona giornata.

21 - Buongiorno. Il tempo di Gesù è un tempo dei segni da interpretare. Sono tempi della salvezza, della venuta del Regno di Gesù Cristo e tempo di grazia (cf. Lc 12,54-59). Allora, saper leggere bene i vari segni del nostro tempo, leggere i tempi che abbiamo e convertirsi diventano un imperativo e un'urgenza. Non lasciamoci ingannare. Il Signore ha voluto riportare tutto all'amore e all'unità in Cristo. Il bello dell'esortazione di Paolo è questo: "Tutto è uno". Un solo padre, un solo Signore, uno solo Spirito Santo, un solo battesimo, un solo corpo (la Chiesa), una sola fede e una sola speranza alla quale siamo chiamati (cf. Ef. 4,1-6). Capire questo e agire di conseguenza è essere saggio e conquistare la vita.  Buona giornata.

22 - Buongiorno e buon fine settimana. Il Vangelo odierno rapporta la necessità e il bisogno di conversione. Senza conversione si perisce. Non dobbiamo illuderci. È indispensabile convertirsi ed evitare a tutti i costi la rovina totale e definitiva, il fallimento di tutta la vita (Lc 13,1-9). Chi è convertito è disposto a ricevere lo Spirito Santo inviato dal Signore Gesù Cristo, asceso al cielo. Gesù invia una varietà dei suoi doni sui cristiani in vista di collaborare all'edificazione dell'unico corpo di Cristo che è la Chiesa (Ef 4,7-16). Nella Chiesa, una cosa è importante: vivere secondo la verità nella carità per crescere in modo da edificare se stesso nella carità (cf. Ef. 4,15-16. È la dinamica della vita cristiana. Che San Giovanni Paolo II (Papa) di cui facciamo memoria oggi interceda per noi. Buon proseguimento nel cammino e felice giornata.

23 - Buongiorno nel giorno del Signore. Dio ascolta il grido del povero (cf. Sir 35, 12-18). Nel Vangelo odierno, Luca parla ancora della preghiera, ma questa volta quella di due protagonisti: il fariseo e il pubblicano. Tutti sono saliti nel tempio per pregare. Benissimo. Il fariseo è un devoto che aspetta il Regno di Dio. Il problema è che la sua preghiera accusa e giudica gli altri con un sentimento di superiorità. Il suo rendimento di grazie è un elenco dei propri meriti e virtù, un esibizione di titoli, un vivere solo di funzione. Le sue azioni sono contrarie al modo di agire di Dio. La preghiera del pubblicano invece è semplice. È consapevole dei propri limiti, della sua indegnità di fronte a Dio e chiede misericordia. Davanti a un cuore umile, Dio apre il suo cuore (Lc 18,9-14). Sapere questo è uscire da se stessi e instaurare una relazione reciproca che suppone umiltà, libertà e gratuità.  Buona e santa domenica.

24 - Buongiorno e buon inizio settimana. Il bene è da fare sempre. Nessuna legge può impedire di compiere il bene o di fare la carità. Nel Vangelo di oggi, Gesù opera di sabato sciogliendo una donna dal legame di satana e guarendo la sua infermità (Lc 13,10-17). Gesù ama il suo popolo e viene incontro a chi soffre. Ha dato la sua vita per tutti. E noi, suoi imitatori, non soltanto dobbiamo amarci gli uni gli altri, ma dobbiamo anche essere pronti a dare la nostra vita, a perdonarci, a purificarci ed essere misericordiosi. Il nostro comportamento deve essere esemplare e la nostra vita limpida, chiara come la luce (cf. Ef 4,32-5,8). Beato chi cammina nella luce del Signore (cf. Sal 1). Buona e serena giornata.

25 - Buongiorno per tutto il giorno. Dio è amore. Il suo amore per noi uomini si verifica nel legame tra Gesù e la sua Chiesa, modello dell'amore tra il marito e la moglie. Sono due forme diverse di amore: la dedizione della donna e la donazione dell'uomo (cf. Ef 5,21-33). Il Vangelo e la sua predicazione toccano in modo incredibile tutta l'umanità. Questo Vangelo cresce misteriosamente e in silenzio, e trasforma il mondo (Lc 13, 18-21). Anche il seme gettato nel giardino vicino al Calvario che è diventato un grande albero è cresciuto. È  Cristo, che nel suo corpo glorioso è l'albero della vita che ha profumato tutto il mondo con il suo Vangelo. Cristo è infatti il profumo che si diffonde nella vita di chi teme il Signore. Vedrà la prosperità di Gerusalemme per tutti i giorni della sua vita (cf. sal 127). Beato chi ha scelto Cristo e il suo Vangelo come sua eredità. Felice giornata.

26 - Buongiorno. La salvezza richiede uno sforzo, il passare per la porta stretta. Conoscere il Signore oppure predicare nel suo nome non basta per essere salvato ne per essere accolto. Il Vangelo ci fa capire una preoccupazione: "ottenere  la salvezza". Gli scaltri riconoscono il "tempo" della visita di Dio, il "tempo" della salvezza. Gli altri sono distratti dalle cose esteriori (Lc 13,22-30). Non aspettiamo l'ultimo momento per salvarci. Spesso, siamo distratti e ne siamo ancora più che convinti. I primi chiamati, gli ebrei, saranno ultimi. Lasceranno spazio ad altri che vorranno entrare nel regno dei cieli (Lc 13,30). L'ora non è più alla considerazione esterna che al rispetto, all'obbedienza e al buon comportamento a imitazione di Cristo (Ef. 6,1-9).  Buona giornata. 

27 - Buongiorno per tutto il giorno. Le letture odierne descrivono la vita cristiana come un combattimento contro lo spirito del male. La vittoria è assicurata in funzione dell'equipaggiamento di cui siamo dotati: la Parola di Dio, la preghiera, la giustizia, la verità, il coraggio, la perseveranza e la fede (Ef 6,10-20). Il nemico da combattere e da abbattere è il diavolo. È contro l'armonia nel mondo. È soprattutto contro la nostra felicità e la nostra comunione con Dio. Un vero cristiano deve evitare i compromessi per salvare la sua vita. Deve rifiutare tutto quello che è contrario alla sua dignità e alla sua identità (cf. Lc 13,31-35). Coraggio e buon proseguimento della vita cristiana. Buona e radiosa giornata.

28 - Buongiorno. Oggi è la festa dei santi Simone e Giuda, apostoli. La liturgia ci invita a guardare la figura degli apostoli per scoprire la nostra identità, il nostro posto e il nostro ruolo nella Chiesa di Dio. Non siamo stranieri. Siamo cittadini del cielo. Siamo edificati sul fondamento degli apostoli e dei profeti, una eredità da non svalutare. La pietra angolare del nostro edificio è Cristo. In Lui, siamo edificati per diventare la dimora di Dio (Ef 2,19-22). Ci ha comunicato il suo Spirito Santo che ci riscalda, ci dà la forza di testimoniare e ci spinge ad agire nella giusta direzione. La predicazione degli apostoli, scelti e chiamati da Cristo dopo aver pregato tutta la notte (Lc 6,12-16), è degna di fede, da accettare come verità rivelata da Dio per nutrire il popolo di Dio. Ed ecco il bello dell'ascolto della Parola di Dio e della professione della nostra fede. Non abbiate paura di crescere nella fede in Dio da cui tutto deriva e non abbiate paura di crescere anche nell'amore, espressione totale della vita nella società e nella chiesa. Buon onomastico ai Simone.  Buona festa e buona giornata.

29 - Buongiorno e buon fine settimana. Il racconto evangelico di oggi ci insegna a dominare la grande tentazione di mettersi ai primi posti (Lc  14,1.7-11). L'umiltà conquista ed è notata anche da quelli che cercano di distruggere gli altri. "Chiunque si esalta sarà umiliato e chi si umilia sarà esaltato" (Lc 14,11). Gesù, di condizione divina, assumò la condizione umana. Dio l'ha esaltato dandogli il nome che è al di sopra di ogni altro nome (cf. Fil 2,6-9). La Madonna è stata un bell’esempio di grande umiltà (Lc, 1,48.52). E noi? A che punto siamo?  Buona giornata.

30 - Buongiorno. Dio è amore. Nella sua bontà misericordiosa, è in cerca del peccatore per offrirgli la vita. Nel Vangelo odierno, scopriamo la vocazione di Zaccheo e la sua disponibilità a fare parte dei discepoli di Cristo. Zaccheo ha sentito parlare di Gesù che ha una certa fama. È curioso di conoscerlo. Vuole incontrarlo o almeno vederlo. Gesù che conosce l'intimo dei cuori degli uomini alza gli occhi, vede Zaccheo che lo cerca con un "desiderio" e lo chiama. Si fa' invitare da lui. Zaccheo è felice di ospitare Gesù, ma la presenza del Signore da Zaccheo disturba i suoi avversari che passano all'attacco. La grandezza di Gesù è che non si cura delle critiche conoscendo la sua missione di salvare ogni uomo. Gli avversari accusano Gesù ignorando che Zaccheo era già trasformato, convertito. Prende addirittura un impegno di vita che è una riparazione del male commesso. La gloria di Dio è l'uomo vivente, diceva San Ireneo di Lione. Trasformaci Signore a tua immagine e concedici la grazia di svuotarci da quello che abbiamo "accumulato" per trasformare un mondo nuovo. Questa è la vera conversione.  Buona domenica.

31 - Buongiorno e buon inizio settimana. Il vangelo odierno ci insegna che nella vita quotidiana, i calcoli e l'attesa di contraccambio non portano da nessuna parte. La gratuità invece deve animare il comportamento dei discepoli del Signore per essere classificati tra i beati ed essere garantiti della ricompensa alla risurrezione dei giusti (Lc 14,12-14). La lettera di san Paolo apostolo ai filippesi esorta a non fare nulla per spirito di rivalità o per vanagloria, ma ciascuno con umiltà, consideri l'altro superiore a lui (Fil 2,3-4). Buon cammino di conversione e  buona giornata.

 

———— 

AMICI ON LINE

Via Dante 1

21050 - CASTELSEPRIO (VA)

 

Codice Fiscale 91063050123

 

< Il nuovo Consiglio Direttivo  dal 14-07-2022 >

Dr.ssa Graziani Cinzia - Presidente

Rebbia Emilia - Vice Presidente

Zaffaroni Annamaria - Tesoriere

Banfi Giordano - Segretario

Colombo Antonio - Consigliere

Gallazzi Franca Rosa - Consigliere

Milazzo Lucia - Consigliere

Zamponi Valeria - Consigliere

_______________________

 

E- mail:  info@asbdoncrispino.org

 

Sito web: www.asbdoncrispino.org 

 

Telefoni: 

Collaboratori:

Anna tel. 3933659049 

Antonio tel. 3280827857

Emilia tel. 3491354591

Giordano tel. 3334380903

__________________________

 

 

C.F.  91063050123

 

Coordinate bancarie:  

 

BPER Banca

filiale di Cairate (VA) 

IBAN: IT 37 L 05387 50050 0000 4246 1300

intestato a:
"Associazione Amici Sostenitori dei Bambini di Don Crispino Odv"

  

 

 

Modalità di erogazione:
Il donatore, per ottenere un risparmio d’imposta

(da detrazione o da deduzione),
deve effettuare l’erogazione tramite mezzi rintracciabili: Bonifici o assegni.
La donazione in contanti non consente alcuna agevolazione fiscale.