APRILE 

1 - Buongiorno per tutto il giorno. Nelle letture odierne, abbiamo dei contrasti: Il giusto e il malvagio; la rettitudine e l'ipocrisia; l'onestà e l'invidia, la gelosia. Sono delle realtà che conosciamo. Il giusto è un rimprovero per il malvagio. Come reazione, il malvagio trama un complotto contro il giusto per sopprimerlo. Questa è una realtà quotidiana perché il malvagio non è in grado di cambiare; non è nella logica del bene né della conversione. Non crede in una vita futura né in una ricompensa delle anime pure (cf. Sap 2, 1.12-22). Anche Gesù, il giusto è ricercato e perseguitato da chi non ha la fede. I capi del popolo cercano di sopprimerlo (Gv 7, 1-2.10. 25-30). La sua passione è già iniziata. Si concluderà con la via crucis. Rinnoviamo la fede in Gesù Cristo e ricominciamo il nostro cammino.  Buona giornata.

2 - Buongiorno per tutto il giorno.  Complotto, intrighi, cattiveria, persecuzione. Tutto questo è indirizzato contro il giusto, il servo di Dio, agnello mansueto (Gr 11,18-20). È proprio la figura di Gesù che è dipinta. Gesù è segno di contraddizione. La gente è divisa sulla sua origine e la sua identità. Nazareth è stata disprezzata da Natanaele; Nicodemo, discepolo di Gesù di nascosto, che lo difendeva è contrariato dai capi del popolo e dai farisei. La Galilea per loro non ha rilevanza di fronte alla gloria e alla santità del tempio di Gerusalemme (Gv 7,40-53). La tensione tra i capi del popolo e Gesù sale. Costui si avvia piano piano verso la sua passione. Che il Signore ci aiuti a riconoscerlo per quello che è e ad ammirare quello che fa.  Buon fine settimana e buona giornata.

3 - Buongiorno nel giorno del Signore. Il Vangelo di oggi è pieno di insegnamento. Smaschera la furbizia dei farisei che si appoggiano sulla legge di Mosè per condannare e uccidere la donna adultera. Allo stesso momento, tendono a Gesù una trappola per accusarlo e condannarlo. Con poche parole, Gesù invita tutti a non guardare i difetti e i peccati degli altri, a scavare quello che c'è dentro di noi, il nostro interiore, a ritirarsi dal gruppo di quelli che condannano la donna e a chiedere misericordia per le nostre infedeltà. Tre frasi da meditare dunque per riprendere, ricominciare la vita. Tutto non è finito. Tutti siamo peccatori: "chi di voi è senza colpa, scagli la prima pietra". Dio è sempre pronto al perdono, ad accogliere. "Neanch'io ti condanno". C'è sempre una possibilità per ricominciare la vita anche dopo un fallimento di questa vita. "Va, d'ora in poi non peccare". Dio ci rialza, ci solleva e ci rimanda liberi nel mondo. Rendiamo grazie a Dio oggi e sempre.  Buona e Santa domenica.

4 - Buongiorno e buon inizio settimana. La buona educazione, la giustizia e la fedeltà sono fondamentali. Accompagnano una persona che vuole vivere libera e con dignità. Susanna incarna la figura di Gesù, il giusto perseguitato e ingiustamente condannato. Rivolgendo la sua causa a Dio, l'unico che può salvare da una situazione complicata come la sua, Susanna diventa il tipo di quelli che confidano solo in Dio (Dn 13,1-62; Gv 8,1-11), loro pastore, loro guida (sal 22), loro luce (Gv 8,12). Spesso viviamo momenti oscuri, di prova, di malattia, di sconforto, di scoraggiamento. A volte, camminiamo proprio nel buio. Abbiamo bisogno di una luce per guidare la macchina della nostra vita, per sperare, per gioire... Dio si offre oggi a noi dicendo: "Io sono la luce del mondo; Chi segue me non camminerà nelle tenebre, ma avrà la luce della vita" (Gv 8,12). La sua parola è lampada ai nostri passi, luce sul nostro cammino (cf. Sal 119,105; sal 26,1). Non cerchiamo più di volere risolvere i nostri problemi senza di Lui. Camminiamo nella luce.  Buona giornata.

5 - Buongiorno per tutto il giorno.  Il Vangelo odierno fa seguito a quello di ieri. "Chi segue me non camminerà nelle tenebre, ma avrà la luce della vita" (Gv 8,12). "Chi non crede in Cristo, in Colui che è", rimane tenebre, nei peccati e quindi nella morte perché si allontana dal Padre e dal figlio. Ricordiamoci che LONTANO DAL PADRE, NON C'È NIENTE DI BUONO. NON C'È VITA, MA SOLO LA MORTE (cf. 8,21-30). Perché mormorare nella vita contro Dio e i suoi inviati? Gli israeliti l'hanno fatto, ingannati dal "ventre". La via della conversione è sempre aperta per tutti noi. Con la preghiera e l'intercessione, Dio ci aspetta con la sua grazia (Num 21,4-9). Il segno della grazia di Dio in mezzo a noi è il suo figlio, Gesù Cristo, che dà la vita e la conoscenza (cf. Gv 8, 28).  Buona giornata.

6 - Buongiorno del buon mattino.  Oggi, le letture ci invitano a fare delle scelte coraggiose nella vita. È una delle vie per rendere testimonianza. Preferire il martirio all'infedeltà è la massima testimonianza. "Non avrai un altro Dio all'infuori di me" (Es 20,3). L'obbedienza al comando di Dio e la fedeltà a Lui rendono liberi. Fedeli all'insegnamento dei padri, tre giovani, servitori di Dio, disprezzando il comando del re Nabucodonosor e la loro propria vita, hanno preferito il martirio al tradimento del vero Dio (Dn 3,14-20.46-50.91-92.95). La fedeltà ha un prezzo. "Se rimanete fedeli alla mia Parola, sarete davvero miei discepoli; conoscerete la verità e la verità vi farà liberi" (Gv 8,31-32). Per avere la pace interiore che libera e rende gioiosi, bisogna essere coerente e fedele. Accomodarsi a tutto è un suicidio. Chi ha orecchi intenda.  Radiosa giornata.

7 - Buongiorno per tutto il giorno.  Rimanere fedeli alla Parola di Gesù (Gv 8,31-32), osservare la sua Parola (Gv 8,51) e osservare l'alleanza (cf. Gn 17,9) è la stessa realtà. Si diventa discepoli, si conosce la verità, si diventa liberi. Non si commette il peccato e non si muore mai. Si vive sempre. Una realtà profonda è che, in comunione di fede e di amore con Gesù Cristo, si vive. C'è un'altra verità fondamentale: Gesù è figlio di Dio ed esiste dall'eternità. Per questo può essere prima di Abramo e dei profeti. Abbiamo noi questa grazia che Gesù si rivela a noi e manifesta il volto del Padre. Perciò, possiamo andare avanti, sicuri di non sbagliare e certi della piena conoscenza e di essere in comunione con Dio Padre e con il suo figlio. Camminiamo verso la vita eterna, verso la nostra patria, gli occhi rivolti verso le realtà del cielo.  Buon cammino e Felice giornata.

8 - Buongiorno.  Geremia, vera figura di Gesù e di ogni vero credente, nonostante tutto quello che si trama contro di lui, rimane fiducioso in Dio e si abbandona totalmente a lui. Afferma infatti: "Il Signore è al mio fianco" (Ger 10,11), non posso vacillare (cf. Ger 10,11; sal 17,3.37). Gesù è sul punto di essere lapidato, di subire già la sua passione eppure non ha fatto né detto nulla di sbagliato. Vedette come la cattiveria umana si scatena. I giudei dicono a Gesù: "Non ti lapidiamo per un'opera buona, ma perché... ti fai Dio". Non accettano che Gesù sia il Messia. Eppure è figlio di Dio. Le opere che Egli compie lo rivelano come tale e in comunione col suo Padre che è sempre all'opera (cf. Gv 10,31-32.36-38). Scopriamo la nostra identità di figli di Dio per non mettere al supplizio le persone, ma operiamo nel suo nome per affermare che veniamo da Lui e lo manifestiamo nel mondo con il nostro comportamento.  Buona giornata.

9 - Buongiorno per tutto il giorno e buon fine settimana. Il Signore cammina con noi e guida la storia degli uomini. Quando hanno peccato, non li abbandona. Promette tante cose perché possa ricominciare a vivere: promette la liberazione dall'esilio, il raduno del popolo, la sua liberazione e la purificazione dal peccato, promette anche di concludere una nuova ed eterna alleanza. Ma il rinnovamento avverrà con la venuta del Messia e per noi oggi con l'accoglienza e l'adesione totale di Gesù Cristo, pastore perfetto, presenza permanente di Dio nell'umanità (cf. Es 37,21-28; Ger 31). Se aderiamo a Cristo ci farà risorgere come l'ha fatto con il suo amico Lazzaro (cf. Gv 11, 45-56).  Buona giornata.

10 - Buongiorno nel giorno del Signore. All'inizio della settimana Santa, Gesù entra a Gerusalemme tra le acclamazioni : "HOSANNA FIGLIO DI DAVIDE, HOSANNA REDENTORE". Gesù inizia un cammino che lo porterà alla Vittoria. Questo cammino è proprio il cammino della vita quotidiana che sperimenta anche l'amicizia, la solidarietà e la sofferenza. "Bisogna passare attraverso molte tribolazioni per entrare nella gloria". In questo senso, la passione e la sofferenza sono purificatrici. Accompagniamo Gesù a Gerusalemme con canti di gioia. Accompagniamolo anche sulla via della croce per sperare di regnare con Lui nella gloria. Vogliamo imparare dalla croce. Nella croce sono scritte la storia dell'uomo e quella di Dio segnate dalla vendetta e dal perdono, dalla cattiveria e dall'amore, dal giudizio e dalla grazia. Sotto la croce, l'uomo impara a vivere e a morire perché il vero amore che vince comincia quando vinciamo il nostro "io". Buon cammino. Buona e fruttuosa settimana Santa.

11 - Buongiorno per tutto il giorno. All'inizio di questa settimana Santa, le letture odierne ci presentano da una parte il Servo di Dio, umile e obbediente alla volontà del Padre, strumento di salvezza e dell'alleanza (Is 42,1-7); dall'altra parte il traditore, Giuda, incapace di un amore gratuito, vivendo di calcoli, sempre interessato. Consegna addirittura ai capi del popolo il suo Maestro e Signore in cambio di monete di miseria. Senza un cuore libero, disponibile e generoso, non si va da nessuna parte e non ci sarà mai la capacità di un amore gratuito (Gv 12,1-11). Convertiamoci dunque e crediamo all'amore vero. È POSSIBILE IN COMUNIONE CON GESÙ.  Buona giornata.

12 - Buongiorno. Ieri, abbiamo sentito il primo canto del servo di Yahve (Is 42,1-8). Dio affermava: “Ecco il mio servo, mio eletto che sostengo” (Is 42,1). È un servo sofferente, mansueto che, per obbedienza, compie la volontà di Dio (Is 42,2-4). Questo messaggio ci introduce già nella passione di Cristo. Il secondo canto, quello odierno, parla ancora del servo di Yahve, luce delle nazioni e strumento di salvezza  (Is 49,6). Il servo di Yahve è ciascuno di noi (Is 49,3). Non dimentichiamo la nostra identità. Oggi nel Vangelo, abbiamo ancora la figura di Giuda apostolo che si dissocia dagli altri. Incapace di rimanere in comunione, dopo aver fatto anche la comunione, esce di notte, entra nelle tenebre per compiere il male premeditato (Gv 13,21-30). Usciamo dalla logica di Giuda di tradire il maestro, il suo insegnamento, la propria identità e la comunità che ci porta. C'è anche la figura di Pietro che rinnega il suo Signore. Troppo generoso nel parlare, ma non è costante (Gv 13,37-38). Evitiamo anche questo. Imitiamo Gesù e accompagniamolo verso il calvario.  Buona giornata.

13 - Buongiorno per tutto il giorno. Nella prima lettura di oggi, abbiamo un'altra profezia del profeta Isaia nel terzo canto del Servo di Yahve. Questo servo è paziente. Non teme nulla perché il Signore lo assiste. Gesù, servo fedele, si affiderà totalmente a Dio nella passione che gli renderà giustizia (cf. Is 50,4-9). Nel Vangelo, abbiamo Giuda che cammina nelle tenebre, gioca la verità e cerca di nascondere o meglio di camuffare davanti agli altri discepoli il suo piano di tradire il suo maestro e Signore. La finale del Vangelo odierno smaschera tutto: "Rabbi, sono forse io?". "Tu l'hai detto" (Mt 26, 25). Niente di nascosto che non debba essere rivelato. Non si può continuare a giocare o speculare sulla vita degli altri ne versare il sangue innocente. Convertiamoci. Usciamo dal buio interiore per camminare nella luce. Buon proseguimento del cammino verso Pasqua.  Buona e radiosa giornata. 

14 - Buongiorno per tutto il giorno. Leggendo le letture della liturgia odierna, troviamo il significato di questo primo giorno del triduo Pasquale. Oggi è un giorno speciale, un giorno del rendimento di grazie per l'amore di Dio. Gesù raduna i suoi discepoli per la Santa Cena, lava i loro piedi come segno di purificazione e di amore. È anche un segno di riabilitazione nella dignità di figli. Gesù istituisce l'Eucaristia e il sacerdozio. L'Eucarestia è il sacramento della passione e della morte di Gesù. La chiesa, per il bene dei suoi figli, li accompagna con i sacramenti. Perciò, gli oli santi sono benedetti dal Vescovo. Che il Signore continui a rinnovare tutti noi attraverso i vari segni della sua presenza.  Buona festa a tutti.

15 - Buongiorno. Oggi accompagniamo Gesù nella sua passione. Se lo seguiamo da vicino, ci rivelerà i segreti della vera vita: l'obbedienza a Dio, l'umiltà e l'amore totale, gratuito e incondizionato. C'è tanta cattiveria e ipocrisia nel mondo. Ci sono tanti Giuda, Caifa, Pilato. Tantissimi altri rinnegano Dio, loro creatore e vivono nell'indifferenza di fronte al loro Signore. Ricordiamo che c'è un'altra vita. Convertiamoci e professiamo la nostra fede come il centurione: "Quest'uomo era giusto" ( Lc 23,47) ed "era veramente il figlio di Dio" (Mc 15,39). In comunione con la Chiesa, questa giornata è di preghiera, digiuno e meditazione. Contempliamo la croce gloriosa di Cristo e la Vittoria di Colui che ha preso su di sé i nostri peccati. Cerchiamo di diminuire il peso della sua croce con il nostro amore e il desiderio di lottare contro il male che ci rovina e rovina l'opera della creazione. Con Gesù vinceremo sempre. Il suo regno non è di questo mondo (cf. Gv 18,36). Il suo amore è per sempre e l'amore avrà sempre l'ultima parola. Forte unione di preghiera.

16 - Buongiorno per tutto il giorno.  Oggi sabato santo, c'è silenzio. Tutto tace. Cristo è morto. È disceso agli inferi per strapparvi i prigionieri del peccato (cf. Il nostro credo). La chiesa, in preghiera e meditazione, è in attesa della risurrezione per gioire e cantare ALLELUIA. Buona meditazione e buona giornata.

17 - Buongiorno nel giorno glorioso della risurrezione di Gesù Cristo. Gesù è risorto. Ha vinto la morte e il male. Cantiamo vittoria e rendiamo grazie a Dio. Che la luce di Cristo illumini i nostri cuori e ci trasformi. TANTISSIMI AUGURI DI BUONA E SANTA PASQUA A VOI E ALLE VOSTRE FAMIGLIE.

18 - Buongiorno per tutto il giorno.  Cristo è risorto. Non si può negare questa verità evidente. La corruzione e l'inganno non stanno in piedi (cf. Mt 28,11-15). Si, Gesù è risorto. Pietro ne dà pubblicamente la testimonianza (Att. 2,14.22-36). Dopo cinquanta giorni, Pietro è un'altra persona, audace, trasformata, piena di Spirito Santo e di forza. Non ha più paura di fronte ai capi del popolo e alla folla. È animato da un solo desiderio: invitare tutti alla conversione. Vuole convertire quelli che hanno condannato Gesù e l'hanno messo in croce. Si alza in piedi (posizione del risorto). Alza la voce e parla (cfr Att. 2,14). Bisogna notare che per creare il mondo, Dio aveva parlato (Gn 1,3.6.9.14.20.24.26). E Pietro, per ricreare i giudei e i loro capi, parla loro di Gesù, un uomo accreditato da Dio per mezzo dei miracoli, prodigi e segni (Att. 2,22). Passa poi all'attacco e accusa (Att. 2,23). Presenta loro Gesù, morto e risorto. Toccati poi di dentro,  chiedono a Pietro e ai fratelli cosa fare (Att. 2,37). È il primo passo della conversione. Apriamo il nostro cuore alla grazia che ci è comunicata.  Felice e radiosa giornata.

19 - Buongiorno per tutto il giorno.  Pietro prosegue oggi la sua catechesi del dopo Pentecoste smascherando i capi del popolo e i giudei. Rimuove il dito nella piaga fino a rimuovere la coscienza di tutti. Gli ascoltatori chiedono a Pietro e ad altri discepoli: "Fratelli, che dobbiamo fare?" (Att. 2,36-37). Questi vogliono iniziare un nuovo cammino con i "fratelli" risorti. Pentirsi, farsi battezzare in nome di Gesù e salvarsi dalla generazione perversa (Att. 2,38.40). Tali sono queste le vie proposte da percorrere. Maria di Magdala, nel Vangelo, ha già fatto il suo percorso. Infatti va in cerca di Gesù, piange perché non l'ha ritrovata, lo vede, lo riconosce risorto dai morti. Trasformata, diventa missionaria appassionata di Gesù Cristo (cf. Gv 20,11-18). Buona missione anche a te e felice giornata.

20 - Buongiorno per tutto il giorno. Gesù risorto cammina con i suoi discepoli sulla strada della vita. Nonostante l'insegnamento ricevuto, sono ancora lenti di cuore a credere alle Sacre Scritture. Ma hanno un cuore aperto all’ospitalità: "Resta con noi Signore, perché si fa sera" (Lc 24,29). Sono attenti ai gesti del Signore. Lo riconoscono allo spezzare del pane (Lc 24,30-31). In questo racconto evangelico, abbiamo tre segni visibili della presenza di Gesù in mezzo al suo popolo:

1) Cammina con i suoi discepoli                       

2) Spiega loro le Scritture: la passione del Messia doveva concludersi con  la sua gloria.

3) Spezza per loro il pane, simbolo dell'Eucaristia (Lc 24,13-35) da condividere sempre.

Oltre a questo c'è anche un'altra grazia di Gesù a condividere. In nome di Gesù, dobbiamo fare camminare i bisognosi e gli storpi permettendo loro di entrare nel tempio per lodare Dio (cf. Att. 3,1-10). Questo è il senso profondo del miracolo operato da Pietro e Giovanni. Lodate il Signore popoli tutti (cf. Sal. 104; sal. 116).  Radiosa giornata. 

21 - Buongiorno. La guarigione dello storpio dà a Pietro l'occasione di annunciare Cristo, morto e risorto, vivo per sempre. Pietro accusa e rimprovera tutti quelli che si sono resi responsabili della morte di Gesù. Ma il suo scopo è di suscitare il loro pentimento e la loro conversione (Att. 3,11-26). Infatti, tutti sono chiamati alla salvezza in Cristo. Gesù Cristo appare ai discepoli e porta a loro la pace che gli mancava. Li rassicura mostrando i segni della passione superata con la risurrezione dai morti (Lc 24, 35-48). Tutto questo perché devono annunciare la risurrezione di Cristo in quanto veri testimoni. Una domanda: Siamo coraggiosi annunciatori di Cristo? Se non lo siamo ancora, chiediamo questa grazia perché non possiamo tacere quello che abbiamo visto e udito.  Buona giornata.

22 - Buongiorno per tutto il giorno.  Senza Gesù, la vita è dura e faticosa. E nel Vangelo odierno, la pesca è sterile. Con la sua presenza e ai suoi ordini, la pesca diventa copiosa. Dall'esperienza, scopriamo che Dio è vicino a noi. Anzi, Lui è con noi (Gv 21,1-14). L'annuncio della risurrezione di Gesù Cristo provoca delle minacce da parte dei capi del popolo. Il culmine del discorso di Pietro rimane nella verità essenziale: Gesù Cristo è risorto. È l'oggetto dell'annuncio e della testimonianza (At 4,1-12). Solo in Lui c'è la salvezza. Lasciamoci plasmare e trasformare da Lui.  Buona e radiosa giornata.

23 - Buongiorno. Dare testimonianza della propria fede nella risurrezione di Gesù Cristo è doveroso. Bisogna resistere al male, soprattutto alla menzogna. I discepoli fortificati dal dono dello Spirito Santo rispondono coraggiosamente testimoniando davanti ai capi del popolo: "Se sia giusto innanzi a Dio obbedire a voi più che a lui, giudicatelo voi stessi; noi non possiamo tacere quello che abbiamo visto e ascoltato" (At 4,19-20). Testimoniare è parlare. Chi ha incontrato Gesù Cristo non ha paura di niente.  Neanche delle autorità che minacciano. È passato dalla morte alla vita. È libero. I discepoli sono testimoni della vita di Cristo (cf. At 4,13-21) e sono mandati da Gesù nel mondo a predicare il Vangelo (Mc 16,15). Rimaniamo fedeli al Vangelo e preghiamo per la missione nel mondo.  Buona giornata.

24 - Buongiorno nel giorno del Signore. Oggi è la domenica della misericordia divina. Il Signore si avvicina ai suoi discepoli rinchiusi e si rivela a loro. L'incontro con il Signore e vederlo è una liberazione interiore che fa gioire i cuori. Quattro orientamenti essenziali da rilevare nel Vangelo odierno: 

1)  Il dono della pace;

2)  L’effusione dello Spirito Santo;

3)  La remissione dei peccati;

4)  La professione della fede (Gv 20,19-31).

Tutto è opera di grazia e di misericordia divina. Abbiamo oggi un motivo sufficiente per rendere grazie a Dio. "Celebrate il Signore perché è buono, eterna è la sua misericordia" (sal 117,1). Buona e felice domenica.

25 - Buongiorno per tutto il giorno. Oggi è la festa di San Marco,  evangelista. È una persona emblematica con un programma di annuncio. "Andate in tutto il mondo, e proclamate il Vangelo ad ogni creatura" (Mc 16,15). Gesù risorto vuole farsi conoscere da tutti. Vuole la guarigione e la salvezza di tutti. Chi ha fede in lui ha un vantaggio.  Può scacciare i demoni, parlare lingue nuove ispirate dallo Spirito Santo, imporre le mani ai malati per guarire. È sempre vincitore del male (cf. Mc 16,15-18). Che altro dobbiamo cercare in questo mondo? Un successo così grande, dove lo trovi? Mi direte che la ricchezza e il potere hanno più rilevanza davanti a tutti. Ma ci rendiamo conto che senza possedere Cristo, non abbiamo niente in mano? Apriamo il nostro cuore alla Parola che fa stare bene. Il bene deve diffondersi. Il Vangelo è il vero bene da proclamare. Questa è la volontà di Dio e di suo figlio Gesù Cristo.  Auguri a quelli che portano il nome di Marco.  Radiosa giornata.

26 - Buongiorno. Dopo l'annuncio della risurrezione di Gesù Cristo da parte dei discepoli, ci sono state tante adesioni a Cristo ed al suo Vangelo. La novità del Vangelo ci sprona a contemplare lo stile e la vita della prima comunità cristiana. Si distingue per l'unità, l'unanimità, l'aiuto reciproco e la comunione anche dei beni. La condivisione della fede e dell'Eucaristia non può non portare frutti di carità operosa (Att. 2,32-37). Nel Vangelo, Gesù fa una catechesi a Nicodemo, un dottore della legge. Bisogna rinascere (cf.Gv 3,7-15). Questo si rinnova attraverso i vari sacramenti. Che il Signore ci accompagni nelle scelte coraggiose.  Buona giornata.

27 - Buongiorno per tutto il giorno.  Nonostante la persecuzione da parte del sommo sacerdote e dei Sadducei, la chiesa, attraverso gli apostoli liberati misteriosamente, prosegue con fedeltà e costanza la missione di annunciare al mondo Gesù Cristo risorto da morte (Att. 5,17-26). Questo Gesù, figlio unigenito del Padre, è il dono di Dio e dà la vita eterna (3,16). Accogliamo con gioia questo dono prezioso e rendiamo grazie a Dio per i suoi benefici.  Buona e serena giornata.

28 - Buongiorno del buon mattino. La testimonianza degli apostoli sulla risurrezione di Gesù Cristo stupisce la gente, ma irrita anche i responsabili dell'uccisione di Gesù. Quindi c'è chi crede in lui e c'è chi non crede. Eppure in Lui è la vita, la grazia della conversione e la remissione dei peccati (Att. 5,30-31). Chi crede in Lui ha la vita eterna. Chi non crede attira su di lui l'ira di Dio (cf. Gv 3,36). Il tempo è  compiuto, il regno di Dio è in mezzo a noi. Il Vangelo è annunciato (cf. Mc 1,15). Accogliendolo nella nostra vita, Dio riverserà su di noi il suo Spirito che agirà ed opererà in noi.  Felice giornata.

29 - Buon giorno per tutto il giorno. La persecuzione è per gli apostoli un'occasione per rendere testimonianza nella risurrezione di Gesù e per rinforzare la loro convinzione e lo zelo nel parlare in nome di Gesù Cristo. Gamaliele, un dottore della legge, dice una cosa importante: "non accada di trovarvi a combattere contro Dio" (Att. 5,39b). Grande insegnamento che ci invita ad essere nella vita umili, obbedienti e aperti all'azione dello Spirito Santo. Il Vangelo odierno ci invita ad osservare la misericordia di Dio che viene incontro all'uomo e al suo popolo che nutre nel deserto della vita e guida (cf. Gv, 6,1-15). Rendiamo grazie a Dio per l'incontro meraviglioso con il Signore e  professiamo la nostra fede in Lui come hanno saputo fare gli apostoli.  Buona giornata.

30 - Buongiorno. La chiesa primitiva aveva un'ideale da raggiungere. Ma non sono mancati anche lì i dissapori. C'è un dato di fatto. Dove ci sono degli uomini, ci sono dei limiti e imperfezioni. L'esperienza della prima comunità cristiana è un esempio chiaro. Ha avuto dei problemi nel servizio delle vedove della comunità. Davanti a tale problema, gli apostoli hanno risposto proponendo nuovi ministeri nella chiesa. Si sono lasciati guidare dallo Spirito Santo scegliendosi sette uomini di buona reputazione, pieni di Spirito Santo e di saggezza (Att. 6,1-7). Ecco alcuni criteri che devono orientare una elezione nella Chiesa. Quando siamo con Cristo risorto, la nostra vita pur essendo agitata dalle onde contrarie, arriva sempre in porto (Gv 6,16-21). Non spaventatevi. Il Signore cammina con noi.  Buona giornata.

———— 

AMICI ON LINE

Via Dante 1

21050 - CASTELSEPRIO (VA)

 

Codice Fiscale 91063050123

 

< Il nuovo Consiglio Direttivo  dal 14-07-2022 >

Dr.ssa Graziani Cinzia - Presidente

Rebbia Emilia - Vice Presidente

Zaffaroni Annamaria - Tesoriere

Banfi Giordano - Segretario

Colombo Antonio - Consigliere

Gallazzi Franca Rosa - Consigliere

Milazzo Lucia - Consigliere

Zamponi Valeria - Consigliere

_______________________

 

E- mail:  info@asbdoncrispino.org

 

Sito web: www.asbdoncrispino.org 

 

Telefoni: 

Collaboratori:

Anna tel. 3933659049 

Antonio tel. 3280827857

Emilia tel. 3491354591

Giordano tel. 3334380903

__________________________

 

 

C.F.  91063050123

 

Coordinate bancarie:  

 

BPER Banca

filiale di Cairate (VA) 

IBAN: IT 37 L 05387 50050 0000 4246 1300

intestato a:
"Associazione Amici Sostenitori dei Bambini di Don Crispino Odv"

  

 

 

Modalità di erogazione:
Il donatore, per ottenere un risparmio d’imposta

(da detrazione o da deduzione),
deve effettuare l’erogazione tramite mezzi rintracciabili: Bonifici o assegni.
La donazione in contanti non consente alcuna agevolazione fiscale.